IL PIR DEI MINORI

16.3.2018

Cos’è l’usufrutto?

E’ un diritto reale minore… un diritto reale (cioè un diritto su una cosa) altrui…

L’usufrutto consente di godere del bene su cui grava, di farne propri i frutti, senza cambiarne la destinazione economica… l’usufruttuario si fa carico della manutenzione ordinaria e del carico fiscale sull’intero bene.

Bene direte voi… e cosa centra con i PIR? Ho forse sbagliato titolo?

No… tranquilli… arrivo al punto…

Un minore può essere titolare di diritti reali? Cioè, può essere proprietario di beni propri?

Ebbene si… e così succede che può essere anche titolare di un PIR…

Su 10 miliardi di €uro di raccolta di PIR in un anno ci saranno anche molti minori che magari han ricevuto il regalino del nonno o dei genitori…

Bene…voi sapete benissimo che i genitori esercenti la responsabilità genitoriale sul minore, sn titolari, per legge, dell'”usufrutto legale” sui beni appartenenti ai figli minori, fino al raggiungimento della maggiore età.

I frutti dell’usufrutto devono essere destinati ai bisogni della famiglia.

E allora domanda: se un minore ha un PIR, cosa succede secondo voi? ….bravissimi, esatto… i genitori hanno l’usufrutto del PIR…

Allo stesso tempo, però, sapete anche che ciascuna persona fisica può essere titolare di un solo PIR…

Quindi, ciò che può far riflettere è questo… se il genitore ha un suo PIR e suo figlio minore ha un PIR, come funziona? Siccome è il genitore usufruttuario che paga (appunto, in quanto usufruttuario)  le imposte sui beni del figlio, cosa succede con due posizioni PIR fiscalmente riferibili alla stessa persona?

L’Agenzia delle Entrate è intervenuta sul punto… chiarendo che: “Il regime di non imponibilità si applica solo se l’usufruttuario, a cui è imputato il reddito finanziario, derivante da investimenti inseriti in un PIR intestato al minore, non sia contemporaneamente titolare di altro PIR” (Agenzia delle Entrate, circolare 3E, 26 febbraio 2018).

Hai capito?

M.