LA SUCCESSIONE NEL CONTO CORRENTE BANCARIO

13.9.18

Tuo zio è venuto a mancare e sai che ha dei conti correnti in varie banche? Vuoi sapere come funziona?

Allora, ascolta….

Partendo dal presupposto che ogni persona, verosimilmente, è titolare almeno di un conto corrente bancario, si arriva alla semplice conclusione che in ogni successione ereditaria, vi sarà (almeno) un rapporto di conto corrente bancario.

Bene…

…..allora so benissimo che sai ed hai chiaro cos’è e come funziona un conto corrente…. ma, vedi, la questione è diversa…

…tu quando parli di conto corrente, lo so, di default, nella tua mente, si apre un’immagine contenente banconote e monete….

Nella pratica, in definitiva, è proprio per questo che lo utilizzi, per depositare la liquidità e usufruire dei servizi accessori.

Ottimo, ma mi dispiace, dal punto di vista successorio nn è così…

E perché?

Perché il conto corrente o, meglio, il saldo del conto corrente, è cosa diversa…. è un credito o un debito…. verso la banca.

Eh si… funziona proprio così… al momento del deposito del danaro presso il cc, la banca acquisisce la proprietà delle somme, e tu, correntista, ne acquisti un credito per l’importo corrispondente. Se poi vai in rosso, ovviamente, sarà un debito verso la banca.

Perfetto…. e allora?

…allora significa che il conto corrente in successione rappresenterà, concretamente, un credito o un debito del de cuius, ed alla stregua di ciò dovrà essere trattato, a seconda del saldo attivo o passivo.

Quindi,  i saldi del conto corrente attivo dovranno essere indicati in dichiarazione di successione come credito fruttifero del de cuius alla restituzione verso la banca, mentre il saldo passivo costituisce un debito del defunto e, in quanto tale, deducibile in sede successoria.

In quest’ultimo caso sarà necessario produrre il certificato rilasciato dall’istituto di credito contenente l’indicazione dei movimenti degli ultimi 12 mesi anteriori all’apertura della successione.

….quindi vai a verificare se lo zietto ti ha lasciato crediti o debiti…. in quest’ultimo caso acquisirai un debito, ma tranquillo, deducibile…..

M.