LA RINUCIA ALL’EREDITA’ CHE COMPORTA ACCETTAZIONE

….è chiaro, se voglio l’eredità l’accetto, con una delle varie forme che mi consente il mio legislatore, ma se nn mi va d’accettarla, posso serenamente rinunciarvi…

E ci mancherebbe… se accetto un’eredità “pericolosa”, rischio pure del mio… magari ben oltre a quanto ereditato….

Quindi, se ci sn soldi mi catapulto ad accettare… se ci sn debiti… ciao….

Però attenzione… c’è un’ipotesi in cui la rinuncia all’eredità comporta accettazione…

E no – direte giustamente voi –  c’è qualcosa che nn torna…

Cioè, come può essere che se rinuncio… accetto…??? No…. nn torna proprio… se rinuncio… rinuncio…stop…

E invece no… c’è un particolare tipo di rinuncia che, in automatico, per legge, ti fa diventare erede…

Lo prevede il tuo bellissimo codice civile… prendilo… aprilo… vai all’art. 478… ecco… bravo… leggi… esatto… s’intitola proprio “Rinunzia che importa accettazione“…

Se tu rinunzi ad una eredità in cambio di un prezzo significa che hai stipulato un contratto (anche se solo orale) e, quindi, che hai disposto di beni ereditari, e che, quindi, hai già, di fatto, acquistato la qualità di erede….

E allora?

….allora spera che il prezzo ricevuto sia più alto di eventuali debiti ereditari… conosciuti o non conosciuti… altrimenti…. è chiaro… mi dispiace… ma nn hai fatto un buon affare….

Stay tuned

M